“Lei sa bene che la vita è piena di infinite assurdità, le quali sfacciatamente non hanno neppure bisogno di parere verosimili; perché sono vere”.

Sono in quinta e studiando Pirandello ho trovato questa frase leggendo “Sei personaggi in cerca d’autore”. Ho pensato al Coronavirus, alla quarantena, alla mia classe, all’esame che ci aspetta. Tutto questo ci sarebbe sembrato impossibile pazzia solo qualche mese fa, non lo avremmo accettato in un romanzo scritto un secolo fa. Invece le infinite assurdità della vita non hanno bisogno di sembrare verosimili, perché oggi sono vere.

(Anonimo)