IlFattoNostro

Sito degli studenti del Meucci e Fanoli di Cittadella

Tag

poesia

UNA DOMENICA SERA DI ARTE E POESIA

Ci saranno anche tanti fanoliani (studenti del liceo artistico Fanoli) ed ex fanoliani domenica sera a Curtarolo (PD) e proveranno a volare in alto. Come aquile. Sotto il cielo della poesia, della musica e della danza. Non potete mancare per… Continua a leggere →

IL PENDOLO (di Martina De Paoli)

Nella classe 2^C del Fanoli, dopo la lettura della poesia “La fontana malata” di Aldo Palazzeschi, gli studenti sono stati chiamati a cimentarsi nella rielaborazione personale del testo poetico appena analizzato. Scopriamo insieme che cosa ha prodotto l’inventiva poetica di un’alunna… Continua a leggere →

UN GIORNO MI DISSE (di Gianluca Bergamin)

Una tartaruga, un rospo, le stelle e… la poesia (clicca sul titolo per vedere il video direttamente da YouTube). Gianluca Bergamin, 4^B, 2017/2018

LA ROSA È UNA SIRENA (di Nicole Bara)

La rosa è una sirena, mi sono ferita il dito, su una delle sue spine Una goccia del mio sangue è caduta su quel nobile candore, ma non come una pura vergine, si ritrae ai tocchi lascivi ma come un… Continua a leggere →

AFFANNI FATUI (di Nicole Bara)

Ora che ho smesso di respirare, non mi resta che spirare e con questo ultimo atto porre un patto , tra quel che resta della mia vita e la carcassa delle mie carni. Questa vita ha un peso che il… Continua a leggere →

OCCHI INFANTILI (di Nicole Bara)

Fiaba reale. Questo per me è il sospiro d’estate. Gli alberi si specchiano sulla strada, dolce la luce calda s’impiglia tra i secchi nudi rami. Il freddo apre il cuore al caldo Il vento mi stringe la morbida sciarpa Il… Continua a leggere →

RANCORE (di Nicole Bara)

Non è acerbo. Il rancore è una dolce malattia che in se stessa trova continuo nutrimento. Non è altro che un’accoltellata che l’anima s’infligge per appesantire la sua presenza in questa esistenza terrena. Legarsi alla terra per immolare il cielo… Continua a leggere →

© 2018 IlFattoNostro — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑